Emerging trends in Food Photography

CATEGORY / Food & Beverage TAGS / content marketing, food photography, visual content Fractals LAB / Gourmand DATE / novembre 20, 2014

Questa settimana l’Osservatorio Gourmand di Fractals vi porta alla scoperta dei trend che dominano la Food Photography. Nello scenario attuale il visual content è sempre più importante ed è quello che genera più engagement, sul web, sui social media e in generale in tutti i settori della comunicazione. Per rubare le parole a Mike Volpe di Mashable, “The key to social media content is to show, not tell”.

1. Luce

Una cosa accomuna la grande mole di fotografie di food presenti su Pinterest e Instagram: l’utilizzo della luce. L’effetto luce naturale è quello più utilizzato sia per gli scatti professionali che per quelli realizzati con smartphone. Si ottiene scattando la foto vicino ad una finestra e aiutandosi con dei pannelli riflettenti per indebolire le ombre.

2. Inquadratura

Un altro trend individuato dal nostro Osservatorio riguarda la scelta dell’inquadratura. In particolare ne abbiamo individuato due tipologie: l’inquadratura “analitica”, dove tutti gli elementi sono ben illuminati e la foto è scattata dall’alto e quella “prioritaria”, che si concentra su un particolare o uno scorcio mettendolo in evidenza rispetto agli altri elementi.

3. Colori

In quanto a palette cromatica, abbiamo individuato tre trend: il primo prevede colori dark e la messa in evidenza di un dettaglio sgargiante, grazie ad un uso sapiente della luce. Il secondo è di ispirazione vintage: predilige colori delicati, per garantire un perfetto effetto retrò. Il terzo è perfetto per la carne e per tutti quei cibi che presentano colori molto intensi. Vengono rappresentati in maniera realistica e spiccano in foto grazie alla sovraesposizione del contesto circostante.

4. Disposizione

Veniamo alla disposizione: il soggetto multiplo è molto utilizzato, in particolare l’effetto disordinato. Il visual content, per generare engagement, ha bisogno di creare emozioni e raccontare una storia. Chi predilige questo stile va proprio in questa direzione, inserendo nello scatto taglieri, lavagne, piani di lavoro, farina e tutto quello che può ricordare l’ambiente familiare e caldo di una cucina casalinga.  La fotografia analitica a soggetto singolo è utilizzata invece soltanto per alcuni cataloghi, ma è sempre meno diffusa per i materiali destinati ai consumatori.

5. Storytelling

Il visual content è interpretato spesso in chiave di storytelling, soprattutto da aziende all’attivo da diversi anni. La fotografia per il food in questo caso si concentra sui valori e le tradizioni del marchio, facendo spesso ricorso a foto in bianco e nero e d’epoca, per raccontare la storia e l’evoluzione dell’azienda non solo attraverso il prodotto finale, ma anche tramite le persone che hanno contribuito a fare la storia del brand.

6. Trasparency

Aziende che hanno una storia relativamente recente spesso non hanno il materiale per realizzare storytelling. Abbiamo osservato che una strada percorsa da alcuni brand è quella di illustrare in chiave fotografica il processo produttivo in tutte le sue fasi, dalla materia prima alla realizzazione finale, per coinvolgere il cliente attraverso un percorso di fiducia e trasparenza di cui terrà sicuramente conto in fase di acquisto. Ve l’abbiamo detto nel post precedente: quello degli “health guardian” è un trend in crescita e chi punta alla Transparency spesso si mette in contatto proprio con i consumatori più attenti.

Avete osservato un fenomeno in ascesa e volete segnalarcelo? Utilizzate il form apposito: potreste essere selezionati per diventare cool hunter di Gourmand!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

© Fractals | Via SEGANTINI 71 - 20143 Milano - P.IVA 07706880965 | PRIVACY