Trend Alert: Cannabis Beers

CATEGORY / Food & Beverage TAGS / beers, cannabis beers, food, trend alert Fractals LAB / Gourmand DATE / luglio 26, 2018

Trend Definition:

Birre che contengono THC, CBD e altri componenti della cannabis.

Trend History:

Birra e Cannabis stanno guidando i maggiori trend del momento nell’industria gastronomica (e non). Da una parte, il fenomeno delle birre artigianali è esploso, e i birrifici di tutto il mondo stanno cercando di distinguersi dalla concorrenza creando birre con ingredienti alternativi che vanno dalla frutta o il cioccolato fino a quelli di derivazione umana. La birra viene anche associata sempre di più al beauty e al wellness con SPA alcoliche  e nuove discipline di fitness come il chiacchieratissimo Beer Yoga. Mintel ha anche inserito gli snack per accompagnare la birra   tra i maggiori trend in crescita per l’estate.

Dall’altra parte, la popolarità dei prodotti basati o ispirati alla cannabis sta crescendo in modo esponenziale in seguito alla sua legalizzazione in numerosi Stati del Nord America, così i brand si stanno muovendo in fretta per dare vita a nuove opzioni in grado di soddisfare una nuova tipologia di target. Abbiamo già visto come questo trend si stia diffondendo nell’industria del beauty, ma il settore food non è certo rimasto a guardare.

Ora, questi due trend stanno confluendo in un aumento significativo della produzione di birre che contengono componenti della cannabis. Il fenomeno interessa soprattutto gli Stati Uniti, ma bibite di questo tipo stanno iniziando a comparire anche in Europa.

A causa di una regolamentazione ferrea, queste birre in genere non contenevano THC, il componente della cannabis che rende le persone euforiche. Venivano invece realizzate con canapa e terpeni, andando ad influire solo sul sapore. Le cose stanno, tuttavia, cambiando e le birre contenenti THC in grado di produrre effetti di euforia e relax stanno a loro volta entrando nel mercato.

Trend Evidences:

La prima birra alla cannabis dell’Oregon è stata lanciata dalla Coalition Brewing a Novembre del 2016. Si trattava della Two Flowers IPA, che conteneva cannabidiolo (CBD), un componente non psicoattivo. Da allora, Coalition ha lanciato diverse altre birre a base di CBD, tra cui Herbs of a Feather, che conteneva anche limone e note di basilico, e Charlie Brown, con semi di canapa tostati. In Vermont, la Long Trail Brewing ha riscosso un enorme successo con il lancio della sua prima birra con CBD, in cui lo zenzero si combinava al miele di canapa prodotto in una fattoria nelle vicinanze.

In California, la Lagunitas Brewing Co. ha collaborato con AbsoluteXtracts per lanciare la SuperCritical, una birra realizzata con terpeni della cannabis (che influiscono sull’aroma) ma senza THC. La recente Hemperor HPA di New Belgium è a sua volta realizzata con la canapa e non include nessun componente psicoattivo.

Dal Colorado, CERIA Beverages ha fatto un passo ulteriore. Lavorando in partnership con ebbu, un’azienda leader nella ricerca sui cannabinoidi, lancerà alla fine dell’anno una birra che include THC ed è in grado di indurre la sensazione di euforia legata al consumo di cannabis. Ma se pensate che mescolare THC ed alcol sia un po’ troppo, non preoccupatevi: l’alcol verrà infatti rimosso prima dell’aggiunta della cannabis.

In collaborazione con Two Roots Brewing Co. e Just Society, anche Cannabiniers ha presentato di recente una birra analcolica con THC e CBD, che produce gli effetti della cannabis.

La nuova birra ‘High Flyer’ di Cloud 9 Brewing  contiene estratti di cannabis sativa che infondono la sensazione di relax e apportano i benefici terapeutici della cannabis senza gli effetti psicoattivi della THC, posizionandosi cosí come prodotto healthy.

Schermata 2018-07-26 alle 12.31.56

Avete individuato un trend emergente nel food & beverage? Segnalatecelo ad info@fractals.it per unirvi al nostro team di ricercatori di Gourmand!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

© Fractals | Via SEGANTINI 71 - 20143 Milano - P.IVA 07706880965 | PRIVACY