Trend Digest: Personal Style

CATEGORY / Fashion & Lifestyle TAGS / fashion trend, personal style, trend alert, trend digest Fractals LAB / Enerie DATE / maggio 21, 2021

TREND DEFINITION

Uno spirito individualista ed eclettico condiziona la scelta degli outfit quotidiani, imponendosi sui trend convenzionali.

TREND HISTORY

Dopo più un anno di pandemia, lockdown e riunioni su zoom, è giunto il momento di tornare a chiederselo: che effetto ha avuto, alla fine, l’assenza di eventi sociali sul nostro guardaroba?
Quando tutto iniziò, furono in tanti a predire la diffusione dei pantaloni della tuta, la morte del completo e l’onnipresenza del total-knit. E sebbene tutto questo si sia verificato, stiamo assistendo oggi ad un fenomeno ancora più interessante da osservare: l’affermazione dello stile personale al di sopra di qualunque trend pre-imposto. 

Le persone seguono criteri sempre più individuali al momento di scegliere cosa indossare, abbinando colori, accessori e capi d’abbigliamento in modi spesso insoliti ed inaspettati.
Secondo Rachel Tashjian di GQ questo impulso si deve a due fattori principali:
In primo luogo “abbiamo scoperto un nuovo senso di vitalità che vogliamo esprimere in ogni aspetto della nostra vita, abbigliamento incluso”; In secondo luogo, “Nell’ultimo anno ci sono stati meno luoghi ed occasioni in cui osservare le tendenze, e l’idea stessa di “diktat di stile” ha perso valore con tutto quello che stava accadendo nel mondo”.
La conseguenza è che le “fit pic” (le classiche foto dell’outfit, postate sui social per documentare come una persona si sia vestita) stanno vivendo il loro momento d’oro sin dal primo lockdown.
Una volta pratica riservata alle influencer, oggi qualsiasi persona si scatta selfie davanti allo specchio, pubblicando settimanalmente (o addirittura quotidianamente) aggiornamenti sul proprio look. Durante il lockdown del 2020, su Instagram iniziarono ad apparire account tematici che aggregavano le fit pic scattate dalle utenti  in quarantena, documentando i look bizzarri e curati solo dalla vita in sù che sfoggiavano per le call su Zoom dai loro divani, letti e vasche da bagno.
In quel periodo abbiamo iniziato a scoprire che abbinare capi d’abbigliamento per creare look personalissimi (e spesso esuberanti) ha un effetto terapeutico, in quanto ci permette di esprimere noi stessi al massimo, sentirci creativi e ritrovare la gioia attraverso la moda.
Dalle fit pics di Instagram, quest’approccio giocoso, eclettico e personalissimo al fashion è finito dritto dritto sulle passerelle, riflettendosi praticamente in tutti i lookbook e le esperienze virtuali che abbiamo vissuto tra il 2020 e il 2021.

TREND EVIDENCES:

Su Instagram oggi ci sono oltre 150,000 evidenze per l’hashtag #fitpic

Durante la pandemia, Tina Rose Lawless ha aperto un account pensato esclusivamente per documentare i suoi look. “Tante persone mi fermavano mentre uscivo a portare fuori il cane, o a fare spese, per dirmi che i miei outfit trasmettevano loro allegria”, ha dichiarato a Vogue. “Ho pensato che, se potevano servire a dare un po’ di gioia alla gente nel bel mezzo del lockdown, allora li avrei postati su Instagram”. Raggruppati per colore, pattern o designer, i look sempre imprevedibili e coloratissimi di Lawless sono stati, in effetti, un successo immediato. Abbina copricapi in pelo con trench metallici, maxigonne e calze decorate, ed è una fan delle Crocs. 

Da New York, Laura Kim ha convertito i suoi social media in una galleria tematica di foto di lei davanti allo stesso specchio che mostra il suo stile “PPP”: “patterns, party pants, more patterns” . Ha dichiarato che dover stare rinchiusa nel suo appartamento l’ha resa più creativa e meno inibita. “La cosa bella di vestirsi per stare a casa è che lo faccio solo per me, senza pensare alla praticità, al tempo, eccetera”, ha detto. 

Crystal Anderson vanta oltre 50,000 followers sul suo account @beerbottles_chainsaws, dove documenta il suo stile esuberante. Il suo guardaroba è super eclettico, e include abiti di  Act. No. 1, sequins di Christopher Kane , e tantissimo plaid. 


Quest’approccio personale e giocoso alla moda si è visto rispecchiato nelle sfilate dell’autunno/Inverno. Da Louis Vuitton, Nicolas Ghesquière, designer noto per i suoi total-look, ha puntato quest’anno su uno stile diverso, abbinando gonne in tulle con felpe con il cappuccio, e top femminili con giacche che potremmo facilmente incontrare nell’armadio dei nostri fidanzati. Da Balenciaga, Demna Gvasalia ha giocato con abbinamenti atipici e a tratti surrealisti, mixando armature medievali con jeans e pantaloni della tuta. Paco Rabanne ha presentato una collezione sfarzosa con slip dresses, cappotti maschili e “foulard” di pelliccia. 

Captura de pantalla 2021-05-21 a las 12.56.50

Volete saperne di più su questo trend? Scriveteci ad info@fractals.it per richiederci un report approfondito. 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

© Fractals di Nausica Montemurro - Via B.Croce 17 07041 Alghero - P.IVA 02761310909 | PRIVACY